Obbiettivo

Il CADR è uno strumento nell'ambito dell' Arcidiocesi di Milano pensato come tramite tra la Comunità ecclesiale e le nuove realtà religiose e sociali che prendono forma nell'Italia multiculturale e multietnica.

Nel gennaio 2012 si è arrivati ad un nuovo corso, precisando la denominazione in CENTRO AMBROSIANO DI DIALOGO CON LE RELIGIONI da Centro Ambrosiano di Documentazione per le Religioni, con gli stessi precedenti principi fondanti, con le stesse finalità , ma con l’aggiornamento che l’esperienza ed i tempi hanno richiesto: si è voluto sottolineare soprattutto l’aspetto del dialogo, con la partecipazione di più persone che negli anni hanno vissuto l’impegno per il dialogo interreligioso..

Nascita

Il Centro ebbe inizio nel 1990, anche in seguito al discorso dell'Arcivescovo Card. Carlo Maria Martini dal titolo "Noi e l'islam" tenuto alla città  di Milano in occasione della festa di s. Ambrogio.

Il card. Carlo Maria Martini così presentò alla Chiesa ambrosiana e alla comunità  civile il neonato Centro:

E' stato creato recentemente un Centro Ambrosiano di Documentazione per le Religioni, con un'attenzione speciale per il mondo musulmano

Vita

Dalla sua nascita, il Centro ha lavorato per preparare materiale e persone in grado di informare sulle culture di cui sono portatori gli immigrati, per formare i cristiani al dialogo interreligioso e per curare i contatti tra la Chiesa ambrosiana e le differenti Comunità religiose presenti sul territorio diocesano. Ha tenuto contatti con le Chiese Mediorientali che hanno convissuto per secoli con fedeli di altre religioni, facendo tesoro delle loro esperienze. Per assolvere nel migliore dei modi alle sue funzioni, nel corso degli anni il Centro si è dotato di uno staff di collaboratori esperti in vari settori, di un Consultorio Familiare che prepara e segue le famiglie interetniche. Ha elaborato progetti per la formazione degli operatori, insegnanti, assistenti sociali, che vengono a contatto con queste nuove realtà .

Oggi

Oggi la vita del CADR continua anche con l'animazione del FORUM delle RELIGIONI a MILANO, formato da cinque grandi aree religiose: Ebrei, Buddisti, Musulmani, Induisti e da parecchie Confessioni cristiane.

Anche l'area di lavoro si sta estendendo nella collaborazione con le diverse Diocesi lombarde. L'orizzonte resta aperto all'Italia e all'Europa attraverso contatti con la CEI e la CCEE-KEK (Consiglio delle Conferenze Episcopali d'Europea e la Conferenza delle Chiese Europee), soprattutto viva è la collaborazione con i centri simili di altre Diocesi italiane specialmente con il Centro Peirone di Torino e il Servizio diocesano per le relazioni cristiano islamiche di Padova.

Copyright © All rights reserved | This template is made with by Colorlib